E FU COSÌ CHE IL CONSUMATORE MULTICANALE DIVENTÒ SMARTSHOPPER

Come sta cambiando il consumatore multicanale e quale sarà il futuro del marketing?

Sono il 60% degli individui over 14, sfruttano tutti i punti di contatto, on e off line, per migliorare il proprio processo di acquisto, ricercano informazioni in mobilità, facendo molto affidamento sul passaparola, praticano l’eCommerce e soprattutto l’everywhere commerce. Sono gli Smartshoppers, il cluster di consumatori individuato nell’ottava edizione dell’Osservatorio Multicanalità, nato da una collaborazione tra Nielsen, Connexia e la School of Management del Politecnico di Milano).

Secondo l’Osservatorio, gli Smartshoppers possono poi essere divisi in Social Shoppers, Hyper Reloaded e gli Everywhere Shoppers.

I primi tendono ad avere un processo d’acquisto più strutturato e informato, sono alla ricerca di un buon rapporto qualità/prezzo e, nonostante la loro fedeltà alla marca, sono pronti a sperimentare nuovi prodotti e nuovi brand, soprattutto quando trovati in promozione.

Gli Hyper Reloaded, il cluster oggi più grande e in crescita, sono consumatori sempre in cerca di innovazione, disposti a spendere di più per le novità. In questo caso, iternet serve a prendere la decisione d’acquisto più smart, in termini di convenienza, unicità o particolarità del prodotto e di qualità.

Quello degli Everywhere Shoppers invece è il nuovo cluster individuato, in continua evoluzione ed espansione: “individui professionalmente impegnati ma che, per non rinunciare a nulla, ottimizzano il tempo e gestiscono al meglio le proprie attività, in questo aiutati dallo smartphone. Come gli Hyper Reloaded infatti sono amanti della tecnologia che gli permette di digitalizzare il processo d’acquisto: il punto vendita perde il suo ruolo originario, diventando una vetrina per l’acquisto online, di cui sono heavy users.”

Questo significa potenzialmente due cose:

1. che l’etichetta, la brochure o una spiegazione sul sito non bastano più per influenzare il comportamento d’acquisto., ma serve anche un ecosistema di touchpoints multicanali e digitali nel quale inserirsi.

2. che il consumatore stesso diventa fonte di informazione, aumentando così la sua rilevanza per le aziende.

Guarda l’infografica Nielsen “Gli italiani multicanali nel 2015”.

Erica Zanin
Content Marketing,
FinecoBank