“Papà”, il cortometraggio targato Wind: giuro che ho pianto

Aldilà delle telecomunicazioni che oggi sono sempre più in grado di accorciare la distanza fisica e temporale, la vicinanza fisica resta comunque la principale fonte di emozione.

Lo ricorda, incredibile ma vero, proprio Wind con un cortometraggio firmato da Giuseppe Capotondi che, giuro, mi ha scatenato la lacrimuccia.

Premiato con il riconoscimento più importante alla seconda edizione di IF! Italians Festival, il Festival dedicato alla Creatività ideato e promosso da ADCI (Art Directors Club Italiano) e ASSOCOM, in partnership con Google, il film intitolato “Papà” è stato ideato da Ogilvy &amp Mather per Wind Telecomunicazioni.

Una storia delicata, che parla di comunicazione e di vicinanza tra le persone, in cui il protagonista decide di partire per andare ad incontrare il padre che non vedeva da anni, ripercorrendo la sua infanzia ed adolescenza.

Una scelta bizzarra per un’azienda di telecomunicazioni, ma pur sempre vincente, tanto che Wind ha riproposto il suo cortometraggio proprio il 19 marzo, in occasione della Festa del Papà, mandandolo in onda in prime time praticamente in contemporanea su Rai e Mediaset e al cinema.

Erica Zanin
Content Marketing,
FinecoBank